TELEMARKET


🐸GLUQBAR #10 x Milano PhotoWeek 2018 🐸
June 2018
architettura/design PARASITE 2.0
grafica PIETRO MAZZA
(set) design VALENTINA CAMERANESI SGROI
concept LUCA MASSARO
video GIORGIA CABONI, performance FILIPPO LUINI


Un set per una diretta streaming online e l’esperienza atipica nel mercato dell’arte di Telemarket (canale televisivo attivo dal 1984 al 2014) saranno il punto di partenza per la prossima mostra/asta/performance a Gluqbar.
Le opere in mostra corrispondono all’allestimento della stessa e al network tra le varie discipline, e sono realizzate da un grafico, un performer, un designer, un architetto e un videomaker, in rapporto a un’immagine di partenza: “un’architettura immaginaria costruita sulle possibilità e proliferazione della riproducibilità fotografica”.
L’allestimento di Gluqbar questa volta non si limita ad esporre fotografie o immagini, intese come documentazioni o registrazioni, apparenze soggettive o oggettive: lo studio fotografico/televisivo diventa un attivo catalizzatore di eventi, in cui l’immagine diviene un punto di partenza e d’arrivo che migra attraverso diversi supporti, e innesca questioni sull’economia dell’arte e sulla produzione e distribuzione dell’immagine stessa oggi.

 

PARASITE 2.0    PIETRO MAZZA    VALENTINA CAMERANESI SGROI    LUCA MASSARO    GIORGIA CABONI    FILIPPO LUINI
visita TELEMARKET







ft LAMUSA II, BEN JANOWITZ, VIETNIK & friends
“parties as installation and viceversa”
+ www.marioschifano.com video lunch
+ info









#8    RETINA @ GLUQBAR  



February March 2018      Via Gluck 48 Milano

ENRICO BOCCIOLETTI    ALESSANDO CALABRESE    MARTINA CORA’    GIORGIO DI NOTO    IRENE FENARA
TERESA GIANNICO    BEN JANOWITZ    RACHELE MAISTRELLO    LUCA MASSARO    FILIPPO MINELLI

Il titolo “Retina” si riferisce all’anfibologia tra la più avanzata qualità di schermo per PC e l’apparato anatomico della membrana oculare. “Retina” è una mostra collettiva che riunisce alcuni dei giovani artisti italiani accomunati dall’utilizzo della fotografia/immagine che all’interno del loro lavoro rispondono o si interrogano su questa doppia articolazione del medium fotografico, tra reale e virtuale, stampa e schermo, IRL e URL, visione, appropriazione, rappresentazione e condivisione.


The title "Retina" refers to the amphibology between the most advanced quality of PC screen and the anatomical apparatus of the ocular membrane. "Retina" is a collective exhibition that brings together some of the young Italian artists using photographs/images that, within their work, question or respond to this double articulation of the photographic medium, between real and virtual, print and screen, IRL and URL, vision, appropriation, social sharing and new representations.




2017-2016



Gluqbar Gallery (former LDS Gallery) is a flexible exhibition space and curatorial framework with the goal of producing public site-specific installations, virtual & printed matter, off-site & online projects in an oxymoronic architecture without walls.



Born in 2015 online and as a shop window in Reggio Emilia,
the pop-up gallery relocated to Luca Massaro’s “Casa&Bottega” (home+studio) in Milano and online. Gluqbar is a domestic and public space challenging disciplinary boundaries between photography, art direction, clubbing, architecture, design, etc.

“GALLERY WITHOUT WALLS (Reggio Emilia, 2015)

A gallery without walls Just what is it that makes today’s art galleries different? “The museum only makes sense as a pioneer”? “An art book is a museum without walls”? Gluqbar gallery will try to deepen this conversation in dialogue with selected invited artists, site specific exhibitions, off site and online projects, with the aim of producing innovative forms of presentation in an oxymoronic architecture without walls.

MICRO was the first name that came to mind for a portable gallery: technologies are getting smaller and smaller, portable and multi-platform, whereas the breadth of a structure is still a matter of size. The wide-angle camera lens will turn an installation into a wide-ranging and widespread idea? The scale triggers different responses in the utilization of each medium: how would the artist respond to a micro or macro context?

Vitrine “At one point, it seemed as if the gallery walls were turning into glasses”. According to O’Doherty history of modern exhibitions, between the 20s and 70s, “the pedestal melted away..the frame dropped..space slid across the wall..walls became ground..the ceiling a frozen sky..and the gallery..a gesture..we can identify with the mind”. In the era of transparency in communication, politics and business, glass screens and open data, Gluqbar Gallery will turn the fleeting metaphor into a curatorial blueprint and propose a see-through exhibiting space, an IRL network at the intersection of inside and outside, public and private, quasi-reflective and quasi-transparent.

The 4th wall Not only are the gallery installations temporary: artists are invited to occupy time more than space, to work with ephemeral and intangibles ideas and extend the boundaries of the exhibition as a medium, to reflect on the shifting definitions of time and space. How to “break the fourth wall” in a gallery without walls?


The enlarged glass André Malraux wrote of “a museum without walls”, “an imaginary architecture built on the capabilities and proliferation of photographic reproduction”. Digital printing low costs and the online network distribution channels made the printed matter one of the most common medium for new generations. If in the past, it was often the case that an exhibition produced a derivative catalogue (sometimes as a poor description of the installation on paper), now the rising number of artists working first on the printed book, inverted the attitude and often turned the exhibition into a translation of the printed page on the wall. Can a time-based exhibition space made of glass (from “Mirror & Windows” to “Clouds & Glasses”), documented through a photograph, become an alternative approach to mirror the contemporary glass screen devices and interrogate the photographic medium itself?

IRL / URL Located at first in the main street of Reggio and recently relocating to Milanese Via Gluck, Gluqbar will pop-up as a vitrine showcase at the intersection of personal studio and public gallery. The reconfiguration of physical space through digital technology and social networking will be a main concern of Gluqbar publishing and curating activities: “an exhibition space symptomatic of physical and digital commingling - an example of how art, like life itself, now exists somewhere between the two”. Gluqbar aims to think new forms to fit original contents, to work through remediation and remix of existing media, beyond technological determinism and fetishization of the digital age. If email substituted the fax, and progressively completed the mail system, if e-commerce is the set of communications, management and trade of commercial goods reshaping our shopping habits, if e-books and e-learning allowed more access and revolutionized the physical counterparts, Gluqbar Gallery will invite the participating artists, through the opening of an IRL space, to exhibit their idea of tomorrow e-xhibition.
“GALLERIA SENZA PARETI” (Reggio Emilia, 2015)

Galleria senza pareti Che cosa esattamente rende le gallerie d’arte d’oggi diverse? “Il museo ha senso solo in quanto pioniere”? “Un libro d’artista è un museo senza pareti”?  Gluqbar è uno spazio espositivo flessibile senza pareti che approfondisce questi temi in dialogo con una selezione di artisti invitati, installazioni specifiche, progetti off-site e online, con l’obiettivo di produrre innovative forme di presentazione in una ossimorica architettura senza pareti.

MICRO Le tecnologie diventano sempre più piccole, portatili e multi-piattaforma, mentre l’importanza di una struttura è ancora spesso questione di ampiezza. Una lente grandangolo può trasformare un’installazione in un’idea di grande impatto e diffusione? La scala spaziale innesca differenti utilizzi di ogni medium: come risponde l’artista a un contesto micro o macro?

Vetrina “A un certo punto, sembrava che le pareti della galleria stessero diventando di vetro” Secondo la storia delle esposizioni moderne di O’Doherty, tra gli anni 20 e 70 , “il piedistallo scompare..cade la cornice..lo spazio scivola sulla parete..le pareti divengono suolo..il soffitto un cielo di ghiaccio..la galleria un gesto..che possiamo identificare col pensiero”. Nell’epoca della trasparenza amministrativa, economica e politica, al tempo degli open data e degli schermi di vetro, Gluqbar Gallery utilizzerà questa metafora come imprint curatoriale, proponendo uno spazio espositivo trasparente, un network IRL all’intersezione di interno ed esterno, pubblico e privato, quasi-riflettente e quasi-trasparente.

La quarta parete Le installazioni sono temporanee e temporali: l’artista è invitato a occupare il tempo più che lo spazio, a lavorare con idee immateriali ed effimere, ad estendere i confini dell’esposizione come medium, a riflettere sulle variabili definizioni di spazio e tempo. Come “rompere la quarta parete” in una galleria senza pareti?

Il vetro aumentato André Malraux ha scritto di “un museo senza pareti”, “un’architettura immaginaria costruita sulle possibilità e proliferazione della riproducibilità fotografica”. I bassi costi di stampa digitale e i canali di distribuzione online hanno reso il libro stampato uno dei medium più diffusi tra le nuove genera- zioni. Se in passato, spesso una mostra produceva un catalogo derivativo (a volte una mera documentazione dell’installazione su carta), ora il numero crescente di artisti che lavorano in primo luogo sul libro, ha invertito l’attitudine, spesso trasformando l’esposizione in una traduzione della pagina stampata sulla parete. Può un’esposizione/una vetrina temporanea e temporale (da “Mirrors & Windows” a “Clouds & Glasses”), documentata attraverso un’immagine, divenire un approccio alternativo per riflettere sui dispositivi contemporanei e sul medium fotografico stesso?

IRL / URL Collocata precedentemente nella strada principale di Reggio Emilia e ora rinata e rinnovata in Via Gluck a Milano, Gluqbar Gallery apparirà temporaneamente in altri luoghi come vetrina flessibile e mobile. La riconfigurazione dello spazio fisico attraverso la tecnologia digitale e i social network, sintomatico dell’ibridazione tra reale e virtuale, nell’arte come nella vita, sarà un interesse costante nell’attività curatoriale ed editoriale di Gluqbar. Gluqbar punta a pensare nuove forme che sposino contenuti originali, a lavorare attraverso la rimediazione e remix di media pre-esistenti, andando oltre il determinismo tecnologico e la feticizzazione dell’era digitale. Se l’email ha sostituito il fax, e progressivamente completato il sistema postale, se l’e-commerce è l’insieme di comunicazioni, gestione e scambio di beni commerciali che ha rinnovato le nostre abitudini di shopping, se l’e-book e l’e-learning hanno garantito maggiore accessibilità e rivoluzionato le controparti fisiche, Gluqbar Gallery inviterà gli artisti partecipanti ad esporre in uno spazio fisico la loro idea di e-xhibition di domani.

VIA C. GLUCK 48
20125 MILANO ITALY
© 2018  LUCA MASSARO
WEBDESIGN GLUQBAR